Il mistero dell’Ourang Medan

Il mistero dell’affondamento della SS Ourang Medan è di diritto una FASCIA DARK.
Il primo riferimento alla nave e al suo incidente è rintracciabile nell’edizione di maggio 1952 degli Atti del Consiglio della Marina Mercantile, ma questa storia viene ripresa in numerosi libri e riviste anche se con alcune differenze.
Per questa ragione, la veridicità del racconto e persino l’esistenza della nave stessa non sono confermati, anche a causa della mancanza di documenti relativi ad essa.
Ma torniamo al nostro mistero.
Secondo la storia, nel mese di giugno 1947 una nave di nome Ourang Medan viaggia tranquilla nello stretto di Malacca finché non invia un segnale di pericolo a due navi vicine. 
Dalla Ourang Medan giunge un terribile messaggio in alfabeto Morse: “Tutti gli ufficiali, tra cui il capitano della nave e l’equipaggio intero, giacciono morti in sala nautica e sul ponte… Forse su tutta la nave non restano superstiti”; dopo il primo messaggio segue un codice Morse indecifrabile ed un ulteriore messaggio finale dal macabro sapore: “… Anche io sento arrivare il mio momento, aiutatemi!”. 
La Silver Star riceve il messaggio e l’equipaggio va a controllare.
Una volta a bordo, viene constatato come l’intero equipaggio sia effettivamente morto, ognuno con un’espressione di terrore sul volto e con posture terrorizzanti (le braccia di molti erano tese verso l’alto in segno di aiuto), ma non ci sono segni di colluttazione o di violenza sui cadaveri e tutta la nave è perfettamente in ordine. 
Si cerca allora di trainare la nave verso il porto più vicino, ma un misterioso incendio scoppia nella stiva e provoca l’esplosione e l’affondamento della Ourang Medan. 
La teoria più plausibile è che la nave portasse un carico di sostanze chimiche clandestine che, reagendo con l’acqua di mare, hanno avvelenato con le esalazioni tutto l’equipaggio per poi provocare un incendio, ma sono in molti a vedere un mistero più intricato dietro a questa storia.
Nella foto, un cargo da alcuni riconosciuto come l’Ourang Medan.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
instagram