La tragica inondazione di melassa di Boston

Ma questa è davvero una FASCIA DARK? Leggete attentamente perché questa storia ha davvero dell’incredibile.
Il 15 gennaio 1919 l’esplosione di un gigantesco serbatoio di melassa (si, di dolce melassa) in centro a Boston uccise 21 persone e devastò un quartiere intero. 
Ma andiamo con ordine: prima di tutto perché a Boston si trovava un recipiente per melassa da due milioni e mezzo di galloni (circa nove milioni e mezzo di litri)? A Boston veniva prodotta una grandissima quantità di rum per cui servivano zucchero e melassa che venivano appunto rinchiusi in un enorme recipiente nel mezzo della città. Questo era stato costruito nel 1915 dalla Purity Distilling Company per conservare le spedizioni di melassa caraibica in quanto, negli anni della guerra, l’alcool industriale veniva utilizzato anche nella produzione di munizioni. 

Risultati immagini per inondazione di melassa


In secondo luogo: cos’è di preciso la melassa? La melassa è un liquido bruno e molto denso che si separa dallo zucchero per centrifugazione, una sostanza sciropposa che non cristallizza, risultato della lavorazione della canna da zucchero.
Bene, abbiamo le informazioni di base. Torniamo al 15 gennaio del 1919.
In quella mite giornata di gennaio, il serbatoio esplode sotto la pressione del liquido causando dapprima un geyser di scura melassa per aria e collassando poi sotto la grande onda marrone.
L’onda densa schiaccia tutto ciò che trova sul suo passaggio percorrendo tutta Commercial Street per schiantarsi contro il muro di pietra bianca di Copp’s Hill invadendo le cantine dei palazzi e agendo come un punteruolo sollevando e trascinando via le fondamenta. La forza dell’onda provoca poi persino il deragliamento di un treno.

Risultati immagini per inondazione di melassa


L’area viene rapidamente ridotta a un inferno di rottami e macerie. 
Quando i soccorritori arrivano sul posto, si ritrovano in uno scenario quasi surreale. Una spessa e vorticosa piscina di melassa profonda tre piedi si estende davanti a loro per circa 350 metri quadrati. In mezzo alle macerie e in ogni direzione si vedono le forme scure di uomini e cavalli che cercano di liberarsi dallo spesso e vischioso abbraccio della melassa.
Il bilancio del disastro alla fine è di 21 vittime e più di 150 feriti. 
Ci vogliono inoltre settimane per risanare la zona, e il lavoro incessante di vigili, volontari e dei loro idranti. È uno spettacolo così straordinario che centinaia di persone vengono ogni giorno ad ammirare le operazioni di sgombero.
Una leggenda metropolitana molto diffusa a Boston vuole che ancora oggi nelle giornate più calde, passeggiando intorno a Commercial Street si possa sentire un intenso odore di melassa salire dalla strada. 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
instagram