L’ultima strega bruciata in Irlanda

Una FASCIA DARK tra le più antiche pubblicate finora tratta ovviamente di una delle paure più ancestrali. 
In foto abbiamo i coniugi Cleary, Bridget e Michael Cleary.
Vivono nel villaggio di Clonmel, nella contea di Tipperary, ma non sono una coppia modello.
Bridget verrà infatti soprannominata “l’ultima strega bruciata in Irlanda” e nel mondo, perché vittima di una malignità e di una superstizione ormai del tutto anacronistiche già nell’Ottocento. Ma partiamo dall’origine dell’orrore. 
Il marito, uomo rozzo e ignorante, nota un cambiamento nella moglie: da tempo si abbellisce, si trucca le guance e passa ore ad intrecciarsi i capelli. È il 1895 ed anziché credere che la donna abbia un altro spasimante, l’uomo pensa che la moglie abbia stretto un patto con delle fate o ancora peggio: che fosse una “Changeling”, termine anglosassone per indicare un essere vivente sostituito di nascosto da una creatura diabolica. La presunta trasformazione di Bridget allarma Michael che la rinchiude in casa torturandola per estorcerle la confessione sulla sua possessione. Le urla sono udite dai compaesani, ma i loro soli tentativi verbali di fermare le torture dell’uomo non hanno effetto. Michael sostiene apertamente che quella donna non sia più sua moglie, ma una creatura magica portata dalle fate. 
La gravità della vicenda non sta tanto nella follia paranoide di Cleary, probabilmente incapace di intendere e di volere al 100%, quanto nell’indifferenza degli abitanti del villaggio, che non trovano molto da obbiettare a queste fantasie nonostante conoscano la ragazza. 
Michael, che ha sostanzialmente campo libero, riesce persino a convincere con le sue storie la sorella e il padre di Bridget che, insieme allo stesso Michael, bruciano viva la donna con una lampada ad olio. L’assassino e i suoi aiutanti sono riconosciuti colpevoli e il marito viene condannato per omicidio “colposo” a 15 anni di lavori forzati. 
Nel 1910 Michael esce di prigione, emigra in Canada e il suo nome finisce nel dimenticatoio. Un giorno scompare misteriosamente dalla sua residenza e nessuno lo trova più. Qualcuno “ironicamente” suppone fosse stato portato via dalle fate come vendetta per aver ucciso sua moglie.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
instagram