Il crocifisso di Santa Croce

Si dice che l’arte sia immortale ma spesso è certamente vulnerabile, come nel caso del Crocifisso di Santa Croce, attribuito a Cimabue e risalente alla seconda metà del XIII secolo. Questa magnifica opera fu semidistrutta a seguito dell’alluvione che colpì Firenze nel novembre del 1966. La tavola fu travolta dalle acque dell’Arno e gran parte della superficie dipinta si staccò irrimediabilmente. Oggi le fattezze dell’opera posso essere ammirate solamente tramite foto e testimonianze antecedenti l’alluvione in quanto, nonostante col passare degli anni l’opera sia stata sottoposta ad accurati restauri, attualmente, purtroppo, appare perduta ad amplissime porzioni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp