Quel segreto di Gino Bartali

I più appassionati avranno riconosciuto il grande Gino Bartali in questa foto. Ma cosa c’entra una foto di Bartali con la giornata della memoria?
Negli anni più bui della guerra il cardinale Elia Dalla Costa, amico di Bartali, aveva chiesto al corridore se era disposto a fare da messaggero ‘alato’ in una rete clandestina di soccorso per i perseguitati dai fascisti e nazisti: si trattava di portare da Firenze ad Assisi, nascosti nella canna della bicicletta, fotografie e materiale per preparare documenti d’identità falsi per coloro che erano costretti a lasciare il paese o che dovevano viverci sotto altre spoglie, in particolare i cittadini ebrei, i perseguitati politici o i partigiani.
“Chiamandosi Bartali – racconta il figlio – era naturale che lo vedessero in giro, perché pensavano che si stesse allenando. E quindi, anche se lo fermavano, sia la polizia italiana che la Gestapo, lo facevano per chiedergli delle curiosità sul ciclismo: non immaginavano certo che lui, nella canna della sua bicicletta, nascondesse dei documenti falsi, altrimenti sarebbe stato fucilato sul posto”. Il grande ciclista al figlio Andrea disse anche: “Il bene si fa ma non si dice e sfruttare le disgrazie degli altri per farsi belli è da vigliacchi” e infatti non disse nulla.
Solo nel 2013, le eroiche gesta di Bartali vennero riconosciute.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp