L’amore olimpico tra Livio Berruti e Wilma Rudolph

Giochi Olimpici 1960, Roma. 
Livio Berruti (oro nei 200 metri piani) e la statunitense Wilma Rudolph (oro nei 100,200 e nella staffetta 4×100 piani) passeggiano per le strade di Roma mano nella mano. Probabilmente una delle immagini simbolo delle Olimpiadi romane.
I due si conobbero al villaggio Olimpico e subito nacque la sintonia. I due si vedevano sempre, ma mai in privato poiché i coach statunitensi non volevano troppe distrazioni per Wilma, ma sopratutto esigevano il rispetto di una legge ferrea: niente sesso prima delle gare. 
In piú sulla Rudolph aveva messo anche gli occhi un giovane pugile del Kentucky che vinse l’oro nei mediomassimi: Cassius Clay.
A Livio comunicarono di girare alla larga, ma lui continuò imperterrito nel corteggiamento. 
“La timidezza e la concentrazione dell’impegno agonistico mi impedirono di agire durante l’Olimpiade” ricorda Berruti “ma mi ero preparato un piano: appena finite le gare avrei invitato fuori a cena Wilma, immaginavo di portarla a Trastevere sperava facesse lei la prima mossa. Non ero bravo con le donne e poi il mio inglese era scarsissimo.”
Livio si presentò al villaggio Olimpico qualche ora dopo la vittoria della Rudolph nella staffetta 4×100 ma non la trovò. Era stata imbarcata in fretta e furia per tornare negli Stati Uniti. 
Livio ci rimase un pó male ma accettò la situazione.
I due non si rincontrarono più. L’unico ricordo che rimane a Berruti della bella atleta statunitense è la tuta personale che ella stessa regalò al velocista italiano. Tutt’ora conserva quella tuta in casa. 
“Se ne occupa mia moglie Silvia che l’accudisce senza gelosia”.
Alessandro Di Nardo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp